06 Ago 2014

Polizza Assicurativa – RC Auto

0 Comment

L’assicurazione rc auto contro i danni causati a terzi dal veicolo assicurato é obbligatoria dal 1969 per tutti i “veicoli a motore senza guida di rotaie”.
Oltre al conducente, che è il diretto e principale responsabile della circolazione del veicolo, sono obbligati ad assicurare il veicolo in quanto responsabili insieme con il conducente (“in solido”) anche il proprietario.
La polizza di assicurazione della responsabilità civile è il documento che prova l’esistenza del contratto di assicurazione (art. 1882 del Codice Civile).
Il contraente è il soggetto che firma la polizza, si impegna a pagare il premio assicurativo ed esercita i diritti derivanti dal contratto (ad esempio recesso etc.). Contraente e proprietario assicurato di norma coincidono, ma possono anche essere persone diverse (assicurazione per conto altrui).
L’impresa di assicurazione si sostituisce al responsabile dell’incidente nel risarcimento dei danneggiati secondo quanto stabilito nel contratto, evitando a questi ultimi il rischio di un’azione nei confronti dei soggetti responsabili, che potrebbero non disporre delle somme necessarie.
La copertura offerta dall’assicurazione vale solo nei limiti stabiliti dai massimali, oltre ai quali il responsabile risponde con il proprio patrimonio. Il livello minimo di questa soglia è stabilito dalla legge, ma al momento della stipula della polizza si può concordare, con una modesta maggiorazione del premio, un massimale più elevato (consigliato).
In alcune situazioni, indicate in contratto, la copertura r.c.auto è esclusa. Quando si verifica una di tali condizioni di non operatività della garanzia r.c.auto (esclusioni contrattuali), l’assicuratore ha il diritto, dopo aver risarcito i danneggiati, di agire in rivalsa verso l’assicurato (conducente, proprietario etc…).
La polizza assicurativa non copre  quando il proprietario e/o il conducente violino le norme di legge (es.guidare un veicolo senza l’abilitazione della patente o con patente scaduta, in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti; trasportare più persone del numero consentito dalla carta di omologazione del mezzo, se il veicolo non è stato sottoposto all’ordinaria revisione prevista per legge, ecc..) oppure quando non si rispettano le clausole contrattuali sottoscritte (es.alla guida c’è una persona diversa da quella indicata in polizza,  indicato conducente esperto ma alla guida c’è un neopatentato ecc..).

La rinuncia alla rivalsa da parte della propria compagnia di assicurazione è una clausola che comporta spesso una maggiorazione del costo del premio assicurativo ma é consigliato che vi sia.

La determinazione del premio di polizza RCA si basa su varie tipologie di formule tariffarie La formula bonus-malus è la più diffusa per le autovetture e i motocicli e si basa su di un meccanismo che premia gli automobilisti più disciplinati: a ogni scadenza annuale il premio viene calcolato secondo una classe di merito determinata in base al fatto che entro un determinato termine (cosiddetto periodo di osservazione) l’assicurato abbia provocato o meno incidenti.

In presenza di contratti che prevedono il tacito rinnovo della polizza, l’assicurato che vuole disdire la polizza, deve inviare alla compagnia una raccomandata con ricevuta di ritorno o un fax almeno 15gg prima della scadenza .
In caso di mancata disdetta il contratto si rinnova automaticamente: ciò significa che il contratto prosegue per un altro anno.
In presenza di contratti che non prevedono il tacito rinnovo della polizza non serve inviare nessuna comunicazione: il contratto cesserà automaticamente alla sua scadenza. Non si applica in questo caso il termine di comporto di 15 giorni previsto dall’art. 1901, comma 2, del codice civile.
L’attestato di rischio è il documento che registra la storia assicurativa di un determinato veicolo ed è pertanto fondamentale quando l’assicurato decide di cambiare impresa di assicurazione.Esso riporta i dati di maggiore importanza relativi ai sinistri e al contratto r.c.auto, fra cui il numero dei sinistri pagati causati negli ultimi cinque anni; la data di scadenza del contratto;per i contratti con formula “bonus-malus” : la classe di merito contrattuale (o interna) di provenienza e la nuova classe contrattuale (o interna) di assegnazione del contratto stesso per l’annualità successiva;la corrispondente classe di conversione universale (CU) di assegnazione del contratto per l’annualità successiva. Il documento deve essere recapitato al domicilio del contraente almeno trenta giorni prima della scadenza della polizza, unitamente alla comunicazione informativa contenente i dati relativi, fra l’altro, al premio r.c.auto per l’annualità successiva, all’indicazione della presenza o meno della clausola di tacito rinnovo etc.

[top]